martedì 27 luglio 2021

Come eliminare il multitasking

Il multitasking è una grossa bugia. Purtroppo è diventato anche una brutta abitudine, diffusa sia in ambito lavorativo sia a livello personale: ci fa credere che più cose facciamo contemporaneamente, prima finiamo e otteniamo risultati.
  In realtà gli unici risultati ottenuti sono predita di attenzione, di tempo (alcuni dicono anche d'intelligenza), un gran consumo di energia mentale e quindi stanchezza.

Il multitasking è sempre in agguato per noi multipotenziali, per vari motivi: dal classico "faccio più cose insieme così le finisco prima" alla mancanza di organizzazione; dai sensi di colpa nei confronti dei lavori da adulti tralasciati al "non so che cosa fare, faccio un poco di tutto"; dal portare avanti più progetti in modo disordinato al desiderio di inseguire le multi-tentazioni. 
  Ma il nostro destino non è per forza legato a questa prassi perniciosa e smettere di saltellare da un'attività all'altra si può fare.


COME ELIMINARE IL MULTITASKING

Esiste un metodo semplice: fare una cosa alla volta, per il tempo necessario a completarla (o fare progressi), con ordine e senza interruzioni né distrazioni.
  Decidi tu che cosa fare di volta in volta, quanto tempo dedicarle, in quale momento della giornata svolgerla e come favorire le condizioni ottimali per realizzarla. Non è facile né immediato e, come per tutte le cose importanti e risolutive, ci vuole una forte motivazione, qualche tentativo e tanta perseveranza.

Ti racconto come faccio, perché può essere utile anche a te. 

  • In caso di mancanza di chiarezza e di organizzazione.
    Con l'aiuto della matrice del tempo distinguo le attività davvero importanti da quelle davvero inutili: elimino le seconde e mi concentro sulle prime. Calcolo il tempo necessario per realizzare i progetti importanti, li pianifico con attenzione in agenda e poi, tutto attorno, programmo gli altri impegni della giornata. 
      Di solito lo faccio nelle fasi di cambiamento e ogni volta che inizio un nuovo progetto.
  • In caso di più progetti da portare avanti insieme.
    Scelgo quante volte in una giornata o in una settimana occuparmi di un progetto secondo il mio bisogno di varietà: ogni ora, ogni mezza giornata, ogni giorno, nel fine settimana, una settimana al mese... In questo periodo ho un grosso progetto che svolgo ogni mattina e altri quattro progetti "corollari" cui dedico un pomeriggio ciascuno. Ogni tanto mi regalo una settimana di immersione totale in un unico argomento. 
      Di solito cambio periodicità se ne sento il bisogno o inizio un nuovo progetto.
  • In caso di multi-tentazioni esplorative.
    La curiosità mi fa conoscere nuove cose da scoprire, ma ho imparato a non cedere alle tentazioni: quando l'entusiasmo sale, mi fermo e decido se la tentazione è in linea con i miei progetti prioritari. Segno sul quaderno le idee da sviluppare prima o poi e pianifico quelle utili. Dopo pranzo, se ne sento il bisogno, mi regalo mezz'ora di esplorazione libera.
      Mi capita di farlo quasi sempre, perché ogni giorno scopro qualcosa di nuovo che stuzzica la mia voglia di approfondire e saperne di più.

Quando elimini il multitasking dalla tua vita, smetti di disperdere energie e di sprecare tempo, riesci a mantenere la concentrazione e la motivazione su ciò che stai facendo per il tempo che desideri, e migliori la tua salute
  Per iniziare prova uno di questi metodi e vedi come funzionano, oppure dai un'occhiata a come posso aiutarti in concreto.


Come eliminare il multitasking | Paroladordine


Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...