martedì 2 febbraio 2021

"Diventa chi sei" di Emilie Wapnick

Quando ho capito di essere multipotenziale, la mia curiosità mi ha spinta a capirne di più per conoscermi meglio. Ho cercato in internet chi ne stesse già parlando e ho trovato molte persone che raccontano di sé per aiutare gli altri a comprendersi e stimolare il confronto (per esempio Mir Serena Liponi, che pubblica ogni mercoledì sul suo profilo Instagram delle riflessioni mai scontate) e ogni giorno ne scopro di nuove.
  Poi ho fatto quello che amo di più: ho preso un libro da leggere, sottolineare e studiare. Il libro è Diventa chi sei. Una pratica guida per persone creative che hanno molteplici passioni e interessi di Emilie Wapnick

Emilie Wapnick è un'imprenditrice, consulente professionale, blogger, autrice e artista canadese; ha studiato musica, arte, cinema, giurispridenza e ha fondato un sito e una comunità di multipotenziali. Non è la prima autrice a scrivere di multipotenzialità, ma di sicuro al momento è la più conosciuta. È famosa anche per il suo discorso Perché alcuni di noi non hanno un'unica vocazione

Lo scopo del suo libro è aiutare i multipotenziali a costruire una carriera sostenibilie e fruttuosa e una vita poliedrica.
  Innanzitutto ci spiega cosa significa essere multipotenziali e quali sono le caratteristiche che ci accumunano e differenziano: il nostro è un modo di essere, fatto di innamoramenti improvvisi, immersioni e abbandoni (di cose da conoscere, non di persone!), per cui seguiamo tanti interessi nello stesso tempo oppure un interesse per volta o, ancora, infinite varianti e combinazioni tra interessi simultanei e sequenziali. Siamo l'opposto degli specialisti: il loro percorso formativo e professionale è lineare e verticale (scende in profondità), il nostro è orizzontale, trasversale e curvilineo.
  Le sfide non sono poche: abbiamo bisogno di un lavoro significativo e sostenibile (per noi e le nostre risorse personali), di scoprire il nostro modo di essere produttivi (per concentrarci su più progetti e fare progressi in tutti), di gestire le difficoltà che ci impediscono di raggiungere i nostri obiettivi (i giudizi nostri e altrui).

Avere successo per noi significa costruire una vita lavorativa felice per dare il nostro contributo alla società e migliorare il mondo. 
  Naturalmente non esiste un unico modello di carriera ideale per i multipotenziali: la Wapnick ne ha individuati quattro (e per ciascuno dà strategie, obiettivi e consigli), secondo le diverse combinazioni di tre fattori fondamentali:

  • il denaro e il bisogno di sicurezza economica
  • il significato e il bisogno di sentire che si sta facendo qualcosa di importante
  • la varietà e il bisogno di sperimentare e cambiare


I quattro modelli di carriera ideale sono:

  1. abbraccio di gruppo (hug in inglese), un unico lavoro multidisciplinare soddisfa tutti e tre i bisogni contemporaneamente e sul lungo periodo. La parola chiave è fusione;
  2. alternanza (slash in inglese), due o più lavori a orario ridotto, separati gli uni dagli altri e alternati a ritmi regolari, garantiscono denaro, significato e soprattutto tanta varietà sul breve periodo. Le parole chiave sono libertà e indipendenza;
  3. Einstein, un solo lavoro sicuro (ma anche piacevole, divertente e stimolante), che lasci abbastanza tempo ed energia per portare avanti le passioni, soddisfa innaniztutto il bisogno di denaro. La parola chiave è stabilità;
  4. fenice, un solo lavoro per mesi o anni, per poi cambiare carriera in un nuovo settore, risponde alla forte esigenza di significato (la varietà si manifesta molto lentamente). Le parole chiave sono profondità e ampiezza.
Con questo libro Emilie Wapnick aiuta le persone multipotenziali a capire chi sono, quali punti di forza potenziare, quali difficoltà superare, per costruire una vita sostenibile attorno alla pluralità, trovare l'equilibrio tra curiosità insaziabile e desiderio di fare progressi, coltivare la fiducia in se stessi e usare il talento nel mondo per contribuire a renderlo un posto migliore.

Una delle sfide che noi multipotenziali affrontiamo ogni giorno è il nostro rapporto col tempo e tutto quel che ne consegue: le tante passioni si trasformano in accumuli di impegni, che riempiono la giornata, tolgono tempo alle altre attività (tra cui la cura per noi, i nostri affetti e l'ambiente in cui viviamo), si accavallano gli uni sugli altri ed esauriscono le nostre scorte di energia, attenzione e creatività... 
  C'è un modo per vincere questa sfida: trovare il proprio modo di organizzare gli impegni nel tempo e di utilizzare bene le nostre risorse. Non è facile né immediato, ci vogliono costanza e impegno, voglia di sperimentare e provare: se viviamo questa esperienza con la nostra solita curiosità e voglia di imparare, diventerà la più importante avventura della nostra vita.

Paroladordine professional organizer per multipotenziali diventa chi sei Emilie wapnick


Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...