martedì 14 novembre 2017

Evento Nazionale Apoi 2017: presente!

Sabato 11 novembre: l'estate di san Martino ci accoglie a Torino con una promessa di fresco in arrivo. Noi, professionisti dell'organizzazione (PO) provenienti da tutta Italia, ci ritroviamo nelle sale di Toolbox Coworking per l'Evento Nazionale Apoi "Impara ad organizzarti... divertendoti!".

paroladordine-eventonazionaleapoi-torino

Il mattino è tutto nostro: ci abbracciamo, salutiamo, riconosciamo, incontriamo i nuovi associati,
diamo forma (volto, voce, mani, sguardi) ai nomi. E subito ci raccontiamo come stiamo, com'è andato  il viaggio, come va il lavoro, ridiamo, sorridiamo, scopriamo le nostre postazioni e ci regaliamo una pausa caffè. Ci facciamo seri (più o meno) durante l'assemblea, ascoltiamo, interveniamo con domande, partecipiamo con proposte: l'associazione è giovane, il nostro Consiglio Direttivo (cioè le fantastiche quattro: Sabrina Toscani, Irene Novello, Silva Bucci e Chiara Battaglioni) è esperto e noi soci siamo pieni di entusiasmo.

paroladordine-eventonazionaleapoi-torino-2018
Con Fabiola Di Giov Angelo (fotografia di Francesca Covolan - Attimamente)

Il pomeriggio, invece è dedicato al pubblico: dopo il pranzo rinvigorente di Liberamensa, raggiungiamo le nostre postazioni e diamo inizio all'evento! Dalle 15.00 alle 20.00 accogliamo i visitatori, gli interessati, i curiosi, i partecipanti e diamo inizio a un susseguirsi di consulenze private (sui comodi divani dell'ingresso) e di laboratori pratici di organizzazione sui temi Lavoro e ufficio, Casa organizzata, Space clearing, Stile di vita con il supporto di Brother, Domopack Living e Studio T. Partecipano anche lo Studio Garattoni & Vaccariello con la presentazione del software di fatturazione WindDoc, e Organizzare Italia che presenta la figura professionale del PO e le attività di formazione per PO, per educare all'organizzazione nelle scuole e per conoscere la disorganizzazione cronica.

Fotografia di Linda Rossi - Nuove Abitudini

Il nostro entusiasmo è palpabile: parlare davanti alle persone non è sempre facile, ma raccontare il nostro lavoro, che ci appassiona, e aiutare chi sente il bisogno di uno stile di vita organizzato con brevi laboratori e consulenze ad hoc ci riempie di una soddisfazione infinita.
Ogni Evento Nazionale Apoi mi regala la gioia di abbracciare vecchi e nuovi amici-colleghi, la sensazione impagabile di sentirmi parte di un tutto e la voglia di vivere appieno l'esperienza. Se, poi, qualche amicizia del luogo mi viene a trovare, è una vera festa!

Ci ritroviamo a Bologna, per l'Evento Nazionale Apoi 2018.

giovedì 9 novembre 2017

Musica per il trasloco

Nei pochi traslochi che ho fatto, l'unica musica era quella suonata dalle mie emozioni: echi di giochi dalla mia prima camera, profumo dei libri e colori della città dalla mia stanza di universitaria, polvere e speranze dal nostro primo appartamento.

Quale musica vorrei sentire nel mio prossimo trasloco? Una canzone che canto spesso e mi fa sentire a casa ovunque sia: E la luna bussò di Loredana Berté.

La canto sotto la doccia, mentre stendo i panni, quando gioco col Baldo, sdraiata al sole in giardino, mentre faccio manovra per uscire dal cortile. Uno scrigno di ricordi, cui ne aggiungerò altri, altrove, altrimenti...


Se premi il pulsante Spotify, qui a destra, puoi ascoltare tutte le liste musicali degli scorsi anni e la "colonna sonora" del 2017.
Buon ascolto!

martedì 7 novembre 2017

Sogno un trasloco

Novembre è il mese del mio compleanno e so già quale desiderio esprimere mentre spegnerò le candeline: un trasloco.
Ricordo bene i miei tre traslochi: coi miei genitori (dall'appartamento in affitto alla casa dove ancora vivono), da sola (dalla casa in città alla casa al lago), con mio marito (dall'appartamento in affitto alla nostra casa).
Ricordo bene anche le emozioni che li accompagnavano, in ordine: nostalgia, agitazione, confusione.

Nonostante questo, per il mio compleanno desidero un trasloco: amo casa nostra e come l'abbiamo trasformata da rudere a rifugio, amo addirittura gli angoli storti e ogni stranezza; ma sogno di vivere in una casa nuova, più piccola (su misura per noi)), più comoda (su un solo piano), più vicina alle passeggiate e ai servizi (no alla macchina, sì alla bicicletta!).

Questa volta non mi farò cogliere impreparata dal trasloco: sarò pronta, serena e cercherò anche di divertirmi.

Per prima cosa, non proverò nostalgia: casa nostra ci assomiglia, è rilassante, accogliente, un po' birichina - ma noi non siamo la nostra casa. I muri e il giardino rimarranno qua, sarò contenta di consegnarli a una nuova famiglia, per riempirli di risate di bimbi e di adulti. Con noi porteremo l'atmosfera e lo stile di vita maturato pian piano.

In secondo luogo, non proverò agitazione: preparerò tutto con calma, me stessa e la casa. Sarò pronta e dirigerò ogni fase del trasloco come un direttore d'orchestra. Desidero vivere appieno questa esperienza e concludere una parte della mia vita in dolcezza, senza brutte emozioni. Con noi porteremo solo bei ricordi.

Infine, non proverò confusione: sarò sempre presente a me stessa, non lascerò nulla al caso o a chicchessia. Prevederò gli imprevisti, avrò pronto il piano B (se necessario), risolverò un problema alla volta (se ce ne saranno) e vivrò ogni momento con chiarezza.

Non so quando avverrà questo trasloco, forse tra tre mesi o forse tra tre anni. In ogni caso, inizio fin d'ora a sistemare casa in vista di questa avventura. Nel frattempo avrò una casa organizzata, ordinata e facile da gestire, e anche un animo sereno e tempo prezioso per godermela.

paroladordine-trasloco

mercoledì 1 novembre 2017

Novembre e il trasloco

Una volta le famiglie dei contadini "facevano san Martino": caricavano i loro averi su un carro e traslocavano da una cascina all'altra. L'anno lavorativo, infatti, terminava ai primi di novembre, dopo la semina; si chiudevano i vecchi contratti di lavoro e se ne aprivano altri con nuovi proprietari terrieri.

Qualsiasi sia il motivo per cui oggi ci trasferiamo da una casa all'altra, il trasloco può essere un'esperienza più o meno piacevole: la fine della certezza e l'inizio di una nuova avventura oppure una semplice fase di passaggio tra un momento e l'altro della nostra vita. Dipende da come lo viviamo.

Ti lascio lo sfondo del desktop di novembre, di un azzurro appena venato di freddo.

(clicca su uno dei seguenti formati
per scaricare lo sfondo corrispondente)



paroladordine-sfondo-novembre


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...