martedì 4 novembre 2014

Una stanza al mese #1: l'ingresso, ovvero il limbo degli oggetti dispersi

Bene, credo proprio che sia ora di fare le cose sul serio: parliamo di organizzazione degli spazi di casa e in particolare di quegli spazi scottanti (e urticanti)!
La domanda sorge spontanea: da che parte iniziare? Poiché adoro procedere con metodo, ho già la risposta pronta: ogni mese vediamo assieme una stanza diversa, cominciando giusto oggi con l'ingresso.
L'ingresso, infatti, è l'"inizio" della casa, uno spazio di servizio che fa da confine tra il mondo fuori e quello dentro. Ma l'ingresso è anche il luogo in cui svaniscono tutti gli oggetti abbandonati, quelli che non si trovano mai nel momento in cui si ha fretta.
La sua funzione, quindi, è multipla:
  1. serve per riporre vestiario, calzature e oggetti in uso fuori di casa
  2. è utile per conservare la posta in entrata e in uscita
  3. può diventare una centrale organizzativa per tutta la famiglia
L'ideale sarebbe riunire tutte queste funzioni in un'unica area, magari utilizzando un bell'armadio, una console con cassetti, un grande specchio e una bacheca. Se non è possibile, bisogna ingegnarsi un po'.
A casa nostra, per esempio, non esiste una stanza adibita a ingresso: entriamo direttamente in soggiorno e il rischio sparpagliamento oggetti è molto alto.
Per questo motivo ho dovuto suddivvidere il mio "ingresso" in tre aree diverse: vicino alla porta d'entrata; in un disimpegno tra soggiorno, studio e scale d'accesso al secondo piano; in cucina. A ogni area corrisponde una funzione diversa e le ho organizzate in base alle nostre abitudini, all'uso degli oggetti riposti e alla comodità di accesso.

Vicino alla porta d'entrata ci sono il mobile tv con due cassetti, la tv e gli aggeggi connessi, una povera lampada maltrattata dalla coda del Baldo e una fila di cassettini appesi alla parete.
Il primo cassetto del mobile tv ospita un raccoglitore a soffietto e delle buste trasparenti già etichettate, in cui di volta in volta vanno a finire tutti i documenti relativi a lavoro, salute, utenze, banca, assicurazione, tasse, contributi e così via.
Nei dieci cassettini in alto, invece, ci sono tutti quei piccoli oggetti indispensabili, ma facili da perdere se non hanno un loro posto preciso: nel primo le chiavi (casa, ufficio, macchina, moto, altre); tre sono usati come svuotatasche dal marito (foglietti con appunti, biglietti da visita e altro inerente al lavoro, occhiali da sole e orologio), uno da tutti (monetine sparse, tessere dei supermercati, penne, blocchetto di post-it) e uno solo da me (orologio, occhiali da sole). Gli ultimi quattro cassettini contengono altro, piccoli oggetti utili per la gestione di casa che devono essere facilmente reperibili. Sopra appoggiamo i telefoni.
Funzione: riporre piccoli oggetti in uso fuori casa - conservare la posta in entrata
Abitudine: appena entrati appoggiare gli oggetti piccoli e la posta sulla prima superficie libera
Oggetti: fondamentali per uscire di casa - posta in entrata
Comodità: altissima (accanto alla porta d'entrata)

paroladordine-organizzare

Nel disimpegno abbiamo sfruttato la parete di fondo per creare un "falso ingresso" dove riporre scarpe (nella panca con ante scorrevoli), giacche, sciarpe, cappelli (sui ganci a parete oppure agli ometti appesi al bastone orizzontale), borse (sulla panca), ombrellini, guinzaglio e pettorina del Baldo (appesi ai ganci). Nel pensile ritiriamo gli accessori da moto (caschi, bandane, guanti, auricolari) e per accedervi teniamo vicino una scaletta. Per gli ombrelli grandi ho preso un portaombrelli a forma di prato. Come specchio per gli ultimi ritocchi usiamo quello della porta del bagno lì accanto.
Funzione: riporre vestiario, calzature e oggetti in uso fuori di casa 
Abitudine: appena entrati togliere giacche, borse, scarpe, guinzaglio, pettorina, caschi
Oggetti: necessari per uscire
Comodità: alta (area abbastanza ampia, vicina alle scale e al bagno, ma non vicina alla porta d'entrata)

paroladordine-organizzare

In cucina , vicino alla porta d'entrata, c'è la lavagna magnetica, su cui segniamo appuntamenti, scadenze e quel che manca in dispensa. Sotto alla lavagna ci sono due "tasche" che usiamo per conservare le bollette da pagare e alcune comunicazioni da tenere sott'occhio.
Funzione: conservare la posta in uscita - diventare una centrale organizzativa di tutta la famiglia
Abitudine: leggere la posta in cucina, lasciare le bollette sul tavolo o sulle sedie; segnare su fogli volanti impegni e scadenze
Oggetti: posta in uscita - appunti
Comodità: alta (sempre sott'occhio, ma lontano dagli occhi altrui; abbastanza vicino alla porta d'ingresso)

paroladordine-organizzare

Ed ecco come ho risolto la mancanza di questo luogo di servizio prezioso!
Nei prossimi giorni vedremo assieme altre soluzioni. Per ora ti lascio un breve identikit del perfetto ingresso: spero ti sia utile!

paroladordine-ingresso


Buona organizzazione!


________________________________________________________
Mobile tv di recupero
Cassettini in legno Forhoja di Ikea (fuori produzione)
Pensili Udden di Ikea (fuori produzione)
Ganci Bastis di Ikea
Scaletta Bekvam di Ikea 
Portaombrelli Prato di Pusher
Lavagna magnetica Luns di Ikea


33 commenti:

  1. Che dire Ale, inizio col botto !!!

    RispondiElimina
  2. Molto bene, stavo proprio cercando una come te. Pure io entro direttamente in salotto... ottimi consigli .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, sono proprio contenta! Evviva la condivisione :)

      Elimina
  3. Ci proverò a seguire tutti questi ottimi consigli... e se riesco a organizzare il mio disastroso ingresso... lo dovrò solo a te! Grazie

    RispondiElimina
  4. Un blog appena nato e già ne sono assuefatta è innamorata! Magistrale Ale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Per il "magistrale" ci sto lavorando :D

      Elimina
  5. Ti prego teletrasportati qui da me! Oppure ti rapisco, fai un po' tu... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi teletrasporto più che volentieri, Lallabel!

      Elimina
  6. Grande inizio Ale! Sai che in questo periodo sto elaborando nella mia mente una ristrutturazione 2.0 della casa che prevede la creazione di una zona di ingresso molto più confortevole (e ci sarebbe anche una specie di nicchia!) ... solo che dovrei girare la casa, sfondare soffitti... insomma una cosa per nulla impegnativa! Meglio che dica alla mia mente di non pensare! E mi godo i tuoi post!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Vale! Ehm, anch'io ho in mente qualche cambiamento per l'ingresso... il marito finge di non sentire, ma dovrebbe alzare il mobile tv - mossa per mettere in sicurezza tutto dalla coda del Baldo ;)

      Elimina
  7. ps: da tua ex teacher ti dico: togli il captcha!!!!!!!!!!!! (te lo direbbe soprattutto la maestra Barbara!)
    baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vale, non ho impostato il captcha (lo odio con tutta me stessa)... però ho notato che ultimamente Blogger combina guai, come cancellare o sostituire dei post interi... o.O

      Elimina
  8. Ottimo post!
    Io sono una novellina, nel senso che a breve mi trasferirò nella prima casa tutta mia (<3), quindi ho proprio TANTO bisogno di questo genere di consigli per arredare la mia casa e iniziare con il piede giusto... grazie!!!! attendo con curiosità i post sulle altre stanze!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Violanota! Ogni mese ci sarà una stanza diversa, ma se hai bisogno di qualcosa in particolare chiedi pure :)

      Elimina
  9. Grazie Ale!!! Consigli utilissimi al momento giusto! =) Non vedo l'ora di organizzare il mio ingresso con le tue dritte! =)

    RispondiElimina
  10. Complimenti!! Adoro la grafica del blog e lo stile dell'articolo! Ti seguirò di sicuro, tratti argomenti che mi interessano da sempre e lo fai come piace a me! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille per i complimenti, Ilaria. La grafica è della bravissima Isabella Marinozzi :)

      Elimina
  11. Ottimi consigli, anche se come te non ho un vero e proprio ingresso....
    Baci

    RispondiElimina
  12. Io ho la fortuna (?) di avere un ampio ingresso vecchio stile con ripostiglio, ma... com'è che non ho ancora trovato il posto per le gicche e cappotti?? mmm... dovrò consultarti! intanto, grazie dei consigli!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lisa, donna fortunata (un ampio ingresso è da leccarsi le dita!) sono sicura che lo troverai :D

      Elimina
  13. Grazie mille per questi preziosi consigli Alessandra. Scusami mi presento: sono Emanuela, una maniaca dell'ordine e della pulizia dentro alle prese con un marito caotico e disordinato cronico in casa :-)
    Un saluto e a presto.
    Emanuela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caspita, Emanuela, immagino i fuochi e i fulmini in casa vostra! ;) Da noi siamo tutti disordinati - anche se il marito pretende d'essere considerato ordinato -_-

      Elimina
  14. Mi piace molto il tuo "disimpegno". Nella mia casa io avrò la fortuna di avere una piccola stanza all'entrata dove creare un "ripostiglio" per scarpe, giacche, ombrelli, borse e zaini, ma prenderò molti spunti da te!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, Silvia, sappi che AMO i ripostigli! Buona organizzazione ^_^

      Elimina
  15. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...